Cucina valdostana

Ricette della Cucina valdostana


Capriolo alla valdostana

Ricetta:Portata: Secondi

Un piatto di selvaggina tipico della tradizione culinaria valdostana, dal sapore intenso, arricchito da spezie aromatiche.

capriolo

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di carne di capriolo
  • 500 g di pomodori freschi
  • 30 g di farina bianca
  • ½ l di vino rosso
  • timo
  • bacche di ginepro
  • alloro
  • 5 chiodi di garofano
  • cannella
  • 1 cipolla
  • Prezzemolo
  • aglio
  • carota
  • costa di sedano
  • grappa
  • ½ bicchiere di panna liquida
  • Brodo
  • Olio
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

Lavate adeguatamente e mondate in modo accurato il sedano, la cipolla, ed il prezzemolo e tritateli finemente insieme ad uno spicchio di aglio. Lavate quindi anche la carne di capriolo e tagliatela in pezzi. Asciugatela con cura e mettetelo in una terrina nella quale aggiungerete il trito di odori preparato in precedenza, l’alloro sbriciolato, i chiodi di garofano, il timo, la cannella e le bacche di ginepro schiacciate.

Aggiustate di sale, spolverate la carne di pepe ed aggiungete vino rosso in quantità sufficiente a coprire la carne. Quest’ultima, per essere considerata ottimale alla consumazione dovrà rimanere in questo liquido di marinatura per almeno tre giorni, nei quali andrà rigirata con delicatezza e particolare attenzione per non rovinare la consistenza della carne. Ricordate: la terrina dovrà essere coperta da un coperchio.

Passati i tre giorni, scolate la carne  e tenete da parte il liquido di marinata: tornerà utile in seguito. Prendete quindi una casseruola e versatevi mezzo bicchiere di olio: quando si scalderà mettetevi a rosolare il capriolo a fiamma sostenuta. Quando avrà preso colore bagnatelo con due bicchierini di grappa e fate evaporare. Quando questo sarà avvenuto spolverizzate il capriolo con della farina, e nel momento in cui la carne risulterà dorata, aggiungete il liquido della marinatura q.b. adeguatamente filtrati dal trito, ed aggiungete i pomodori fatti a pezzi.

Ove il liquido aggiunto al piatto non si rivelasse sufficiente alla cottura, potrete irrorare la carne di capriolo con un po’ di brodo. A cottura ultimata servite la carne su un piatto da portata irrorata dal sugo di cottura opportunamente filtrato. A piacere è possibile servirlo accompagnato da polenta.


Lascia un commento:

Ricerca per ingredienti: alloro brodo caglio capriolo castagne cipolla erba cipollina fagioli farina farina gialla farina taragna fave fonduta fontina grano grappa lardo latte manzo mele mortadella pane pane nero pangrattato panna patate pollo pomodoro porro prosciutto riso rsio salvia uova verza zucchero